Metriche di e-commerce di cui tenere traccia

Ricevi gli ultimi contenuti Amazon ogni settimana

La maggior parte degli imprenditori dell'e-commerce sono guidati dall'enorme potenziale di crescita del business e dalle opportunità di profitto disponibili nell'autostrada dell'informazione.

Ma come stai sapere se la tua attività di e-commerce è fiorente o sopravvive a malapena? È qui che entrano in gioco le metriche dell'e-commerce.

Le metriche dell'e-commerce possono fungere da guida basata sui dati mentre definisci le strategie, incrementi le vendite e, infine, definisci l'esperienza del cliente.

Copriamo alcune delle nozioni di base metriche di e-commerce che ti fornirà informazioni dettagliate sulla posizione della tua impresa nel panorama marino online e ti aiuterà a raggiungere la destinazione desiderata. 

Eccone alcuni metriche di e-commerce da monitorare, comprese formule, parametri di riferimento e suggerimenti attuabili.

 

Tasso di conversione (CR)

Chiamato anche tasso di conversione e-commerce o tasso di conversione delle vendite, questo è uno dei parametri chiave dell'e-commerce in quanto misura il percentuale di visitatori del sito web che effettuano un acquisto

Tassi di conversione fornire informazioni sull'efficacia del tuo sito e sugli sforzi di marketing nel convertire i visitatori in clienti paganti.

  • Formula. CR = (Numero di vendite/Numero di visitatori) x 100
  • Esempio. Se il tuo sito riceve 10,000 visitatori in un mese e 200 di loro effettuano un acquisto, il tuo CR è del 2%.
  • Segno di riferimento. Shopify afferma che le metriche di conversione dell'e-commerce sono in circolazione 2.5% sono un buon punto di partenza nel 2024. Tuttavia, è fondamentale notare che i tassi di conversione possono variare in base al settore. Ad esempio, il rapporto benchmark di conversione di Unbounce cita pagine di destinazione diverse tassi di conversione a seconda della natura delle offerte.
Tassi di conversione organizzati per settore (Fonte – Unbounce)
Tassi di conversione organizzati per settore (Fonte – Unbounce)
  • Suggerimento utilizzabile: Migliora la tua CR ottimizzando il processo di pagamento, rendendolo il più semplice e agevole possibile.

 

Costo di acquisizione del cliente (CAC)

 

Il costo di acquisizione del cliente (CAC) calcola il costo associato al convincere un cliente ad acquistare un prodotto o servizio

Questo è uno dei chiave metrica per l'e-commerce che ti consente di comprendere il valore delle relazioni con i clienti.

  • Formula. CAC = Costi totali in marketing e vendite/Numero di nuovi clienti acquisiti
  • Esempio. Un'azienda che spende $ 1,000 in marketing ed è in grado di acquisire 100 nuovi clienti avrà un CAC di $ 10.
  • Segno di riferimento. Vedi CLV
  • Suggerimento attuabile. Se desideri ridurre il tuo CAC, concentrati sul miglioramento dei tassi di conversione e sull'ottimizzazione delle campagne di marketing.

 

Valore a vita del cliente (CLV)

Il Customer Lifetime Value, o CLV, riguarda l'importo totale dei ricavi che un'impresa di venture capital può aspettarsi da un singolo account cliente. Questo è un metrica delle prestazioni che può aiutarti a definire la strategia dei tuoi sforzi di marketing e dell'allocazione delle risorse.

  • Formula. CLV = (Valore medio di acquisto x Frequenza di acquisto) x Durata media della vita del cliente
  • Esempio. Se i clienti spendono in media 50 dollari, fanno acquisti cinque volte all'anno e rimangono per quattro anni, il CLV è pari a 1,000 dollari.
  • Segno di riferimento. Ciò che costituisce un CLV ideale può variare in modo significativo tra le diverse attività e settori. Tuttavia, un punto di riferimento comune per il successo è il raggiungimento di un CLV adeguato almeno tre volte maggiore rispetto al CAC, come citato da OWOX BI. Questo rapporto indica un sano equilibrio tra il costo di acquisizione dei clienti e il valore che apportano nel corso della loro vita.
  • Suggerimento attuabile. Aumenta il CLV migliorando l'esperienza del cliente e aumentando il coinvolgimento attraverso una comunicazione personalizzata.

 

Valore medio ordine (AOV)

Il prossimo nel nostro elenco di metriche di e-commerce è valore medio dell'ordine o AOV. Questa metrica tiene traccia dell'importo medio speso ogni volta che qualcuno effettua un ordine. Questa metrica esamina il comportamento di spesa dei clienti per guidare le decisioni relative ai prezzi e alle decisioni di marketing.

  • Formula. AOV = Importo delle entrate totali / Numero di ordini
  • Esempio. Se le vendite totali del tuo negozio sono $ 10,000 da 200 ordini, il tuo AOV è $ 50.
  • Segno di riferimento. Proprio come molti parametri di crescita dell'e-commerce, i benchmark AOV possono variare notevolmente in base al settore. Ad esempio, i dati di Dynamic Yield hanno registrato un AOV di $387 per i prodotti di lusso e di gioielleria nel febbraio 2024 e un AOV di 71 dollari per il settore della bellezza e della cura personale nello stesso periodo.
AOV globale per settore (fonte – rendimento dinamico)
AOV globale per settore (fonte – rendimento dinamico)
  • Suggerimento attuabile. Consiglia prodotti correlati o implementa una spesa minima per la spedizione gratuita per aumentare l'AOV e potenziare andamento dell'inventario.

 

Tasso di fidelizzazione dei clienti (CRR)

Il tasso di fidelizzazione del cliente (CRR) misura la percentuale di clienti che rimangono coinvolti con il tuo marchio per un periodo specifico

Tra le metriche di fidelizzazione dell'e-commerce, il CRR è un indicatore vitale della soddisfazione e della fedeltà del cliente. Il CRR può essere combinato con le metriche del funnel per offrire una visione completa sia della fedeltà del cliente che dell'efficacia del processo di vendita. 

  • Formula. CRR = [(Numero clienti a fine periodo – Nuovi clienti acquisiti nel periodo) / Numero clienti a inizio periodo] x 100
  • Esempio. Iniziando con 100 clienti, finisci con 120 ma acquisisci 30 nuovi clienti. Il tuo CRR è del 75%.
  • Segno di riferimento. Dati citati da Argomenti che esplodono elenca i media e i servizi professionali come i settori con i tassi di fidelizzazione più elevati, pari all'84%. D’altro canto, i settori dell’ospitalità, dei viaggi e della ristorazione presentano i tassi di fidelizzazione più bassi, pari ad appena il 55%.
  • Suggerimento utilizzabile: Migliorare il CRR implementando programmi di fidelizzazione e coinvolgendo i clienti attraverso un marketing personalizzato.

 

Tasso di abbandono del carrello

Il tasso di abbandono del carrello misura la percentuale di acquirenti che aggiungere articoli al carrello ma uscire senza completare l'acquisto.

Rapporti di Amazone altri studi di settore spesso evidenziano questo tasso come un indicatore significativo delle prestazioni del sito di e-commerce e dell'efficienza dell'esperienza del cliente. 

Un elevato tasso di abbandono del carrello può avere un impatto notevole vendite organiche, in quanto rappresenta entrate potenziali che non si concretizzano.

  • Formula. Tasso di abbandono del carrello = [1 – (Numero di acquisti completati / Numero di carrelli creati)] x -100
  • Esempio.  Se in un mese vengono creati 1,000 carrelli della spesa ma solo 300 portano ad acquisti, il tasso di abbandono del carrello è [1 – (300/1000)] x -100 = 70%.
  • Segno di riferimento. I dati di Statista rivelano che dal 2014 i tassi di abbandono dei carrelli hanno registrato una tendenza costantemente al rialzo. Nel 2023, la percentuale di carrelli della spesa online abbandonati ha raggiunto il 70%, segnando il tasso più alto dal 2013. 
Tasso di abbandono del carrello della spesa online in tutto il mondo (Fonte – Statista)
Tasso di abbandono del carrello della spesa online in tutto il mondo (Fonte – Statista)
  • Suggerimento attuabile. Riduci l'abbandono del carrello semplificando la procedura di pagamento, offrendo più opzioni di pagamento e inviando e-mail di promemoria ai clienti che hanno lasciato articoli nei carrelli.

 

Ritorno sulla spesa pubblicitaria (ROAS)

Il ritorno sulla spesa pubblicitaria o ROAS è un indicatore cruciale all'interno della gamma di parametri di e-commerce, che misura il efficienza delle spese pubblicitarie nel generare entrate.

Monitorando il ROAS, le aziende possono garantire che ogni dollaro speso in pubblicità sia un investimento per una crescita redditizia. Questa metrica trascende le metriche di base del business dell'e-commerce offrendo una correlazione diretta tra gli sforzi di marketing e i risultati finanziari.

  • Formula.  ROAS = reddito guadagnato dagli annunci/spese pubblicitarie
  • Esempio. Se spendi $ 5,000 in una campagna e generi $ 20,000 in vendite, il tuo ROAS sarà $ 20,000 / $ 5,000 = 4 o 4:1.
  • Segno di riferimento. Anche se il rapporto ideale può, ancora una volta, variare in base al settore, un buon punto di riferimento è un rapporto 4:1 o 4 dollari di vendite per ogni dollaro di spesa pubblicitaria. 
  • Suggerimento attuabile. Migliora il tuo ROAS targetizzando i tuoi annunci in modo più preciso e ottimizzando le creatività degli annunci in base ai dati sul rendimento.

 

Net Promoter Score (NPS)

Il Net Promoter Score o NPS emerge come una cifra critica tra i parametri di e-commerce, offrendo una visione semplice ma profonda della fedeltà e della soddisfazione dei clienti. 

L'NPS quantifica il probabilità che i clienti consiglino un'attività ad altri, che funge da barometro per valutare il servizio clienti e le metriche di marketing. 

Oltre a riflettere semplicemente il sentiment dei clienti, l’NPS si intreccia con le metriche di coinvolgimento, evidenziando le aree in cui un’azienda può migliorare le proprie interazioni e comunicazioni per promuovere una base di clienti più fedele ed entusiasta.

  • Formula. NPS = % di promotori – % di detrattori. I promotori sono coloro che ottengono un punteggio di 9-10 sulla probabilità di consigliare il tuo prodotto, i passivi un punteggio di 7-8 e i detrattori un punteggio di 0-6.
  • Esempio. Se il 50% degli intervistati sono promotori, il 20% sono passivi e il 30% detrattori, il tuo NPS è 50% – 30% = 20.
  • Segno di riferimento. Secondo Retently, un NPS sotto 0 segnala che un’azienda deve affrontare numerose sfide che richiedono attenzione immediata. Un NPS compreso tra 0 e 30 è considerato positivo, con potenziale di ulteriore miglioramento, mentre un punteggio superiore a 30 indica un business fiorente. I dati citati da Userpilot rivelano che la media NPS nel settore dell’e-commerce è 45.
Cos’è un buon NPS? (Fonte – Retentemente)
Cos’è un buon NPS? (Fonte – Retentemente)
  • Suggerimento utilizzabile. Migliora il tuo NPS affrontando rapidamente i reclami dei clienti e concentrandoti sul miglioramento dell'esperienza complessiva del cliente.

 

Tariffe di rimborso e restituzione

I tassi di rimborso e restituzione sono parametri di e-commerce fondamentali che valutano la soddisfazione del cliente e la qualità del prodotto all'interno di un ambiente di acquisto online. 

Queste metriche del sito web riflettono il percentuale di prodotti restituiti dai clienti rispetto al numero totale di vendite, offrendo approfondimenti su potenziali problemi con le descrizioni dei prodotti, le aspettative dei clienti o il controllo di qualità.

Un tasso elevato di resi e rimborsi può segnalare la necessità di miglioramenti in varie aree dell'esperienza di e-commerce valorizzare l'immagine del prodotto e descrizioni per la revisione dei processi di garanzia della qualità.

  • Formula. Tasso di rimborso = (Numero di prodotti restituiti/Numero di prodotti venduti) x 100
  • Esempio. Se vendi 1,000 articoli e ne vengono restituiti 100, il tasso di rimborso sarà (100/1,000) x 100 = 10%.
  • Segno di riferimento. Un sondaggio McKinsey sulla gestione dei resi ha mostrato che nel 2020 i consumatori americani hanno restituito beni per un sorprendente valore di 428 miliardi di dollari, con un tasso di reso del 10.6%. I resi e-commerce hanno rappresentato quasi un quarto del volume totale.
  • Suggerimento attuabile. Ridurre i rendimenti fornendo descrizioni dettagliate dei prodotti, guide al dimensionamento accurate e immagini di alta qualità.

 

Conclusione

Ricorda, questi metriche di e-commerce sono approfondimenti sullo stato di salute della tua attività. Usali come segnali per indicare quando aggiustare le vele e opportunità per scoprire nuovi orizzonti.

Mentre continui a monitorare, analizzare e agire in base a questi parametri, lascia che guidino le tue decisioni strategiche, dal perfezionamento delle offerte di prodotti al miglioramento del coinvolgimento e della fidelizzazione dei clienti.

 

Autore

Carla Bauto DeñaCarla Bauto Deña è un giornalista e scrittore di contenuti che produce storie per i media tradizionali e digitali. Crede nel potenziamento delle piccole imprese con l'aiuto di soluzioni innovative, come l'e-commerce, il marketing digitale e l'analisi dei dati.

Condividi il post: